Il contratto tra post-modernità e tradizione