Sul ruolo da attribuire al requisito della convivenza nella fattispecie dei maltrattamenti in famiglia