Bail-in: una questione di regole di condotta?