Vive, attive e contagiose. Il potere transitivo delle immagini