I limiti alla mobilità orizzontale tra vecchia e nuova disciplina