La figura del celebre archeologo e topografo Rodolfo Lanciani (1845-1929) è approfondita nella sua attività di collezionista di stampe e disegni, con particolare attenzione alle provenienze delle opere. Esaminando la sua collezione, confluita presso la Biblioteca di Archeologia e Storia dell'arte di Roma a Palazzo Venezia, è possibile individuare gli interessi di Lanciani per la grafica dal XVI al XIX secolo, i suoi rapporti con mercanti, artisti e collezionisti. Lanciani considerava le opere come fonte primaria e strumento di studio e documentazione per la ricostruzione della storia di Roma e del suburbio. Sono studiati la funzione e l'origine del suo marchio da collezione, mai repertoriato da Lugt e raffigurante una tabula ansata di ispirazione romana con le iniziali "R L" inserite ai lati; si conferma per la prima volta che l'ideazione e l'apposizione del marchio si devono al collezionista stesso e non a un momento successivo alla sua morte. I molti marchi di collezione rilevati sulle opere, alcuni già noti e altri inediti, identificati e suddivisi per aree geografiche, consentono di approfondirne la storia e le vicende collezionistiche oltre ai movimenti e alle connessioni dello stesso Lanciani, impegnato in relazioni internazionali di ampio respiro.

Grisolia, F. (2011). Rodolfo lanciani (1845-1929), archeologo e collezionista di disegni e stampe. In Le Marques de collections. II (pp. 123-142). Dijon : L'Echelle de Jacob.

Rodolfo lanciani (1845-1929), archeologo e collezionista di disegni e stampe

GRISOLIA, FRANCESCO
2011

Abstract

La figura del celebre archeologo e topografo Rodolfo Lanciani (1845-1929) è approfondita nella sua attività di collezionista di stampe e disegni, con particolare attenzione alle provenienze delle opere. Esaminando la sua collezione, confluita presso la Biblioteca di Archeologia e Storia dell'arte di Roma a Palazzo Venezia, è possibile individuare gli interessi di Lanciani per la grafica dal XVI al XIX secolo, i suoi rapporti con mercanti, artisti e collezionisti. Lanciani considerava le opere come fonte primaria e strumento di studio e documentazione per la ricostruzione della storia di Roma e del suburbio. Sono studiati la funzione e l'origine del suo marchio da collezione, mai repertoriato da Lugt e raffigurante una tabula ansata di ispirazione romana con le iniziali "R L" inserite ai lati; si conferma per la prima volta che l'ideazione e l'apposizione del marchio si devono al collezionista stesso e non a un momento successivo alla sua morte. I molti marchi di collezione rilevati sulle opere, alcuni già noti e altri inediti, identificati e suddivisi per aree geografiche, consentono di approfondirne la storia e le vicende collezionistiche oltre ai movimenti e alle connessioni dello stesso Lanciani, impegnato in relazioni internazionali di ampio respiro.
Settore L-ART/02 - Storia dell'Arte Moderna
ita
Rilevanza internazionale
Capitolo o saggio
Lanciani; Collezione; Stampe; Disegni; Marchi
Grisolia, F. (2011). Rodolfo lanciani (1845-1929), archeologo e collezionista di disegni e stampe. In Le Marques de collections. II (pp. 123-142). Dijon : L'Echelle de Jacob.
Grisolia, F
Contributo in libro
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Grisolia 2011_Marchi Lanciani.pdf

accesso solo dalla rete interna

Descrizione: saggio
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 3.12 MB
Formato Adobe PDF
3.12 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/140900
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact