Il cumulo di domande nei “riti speciali” e l’oggetto del giudizio amministrativo