Il nuovo rito ordinario di cognizione: meno udienze, piu' preclusioni