Giambattista Vico tra barocco e postmoderno