Thesis aims to help all those involved in thereparation of this sport by laying down useful guidelines for a methodical approch to ascertain the biomechanical and neuromuscolar requirements of wheelchair basket ball. An evaluation was made testing both male and female Italian national players with a points classification of 1; 2; 3; 4 and 4.5. In wheelchair basketball points are attributed by the classification commission (one medical and one technical), in relation to the degree of physical disability and the functional capabilities of the athlete, as demonstrated on court during play. Research evaluation used the following tests: (i) a 20 metre sprint (to asses the ability to accelerate), (ii) tossing a weighted ball from the head or chest (to asses strength), (iii)performing a figure of eight (with and without a ball) , ( to asses the players technical ability to drive the wheel chair) ; (iv)throwing within the bell zone (to asses technical ability to shoot for goal), (v)throwing at a target ( to asses technical ability to pass the ball ); (vi) a match analysis of “effective play” (evaluating the time, position, speed, distance and direction of each player during the match). All tests were carried out in a standard basketball court. Materials: stop watch, extendable tape measure, adhesive tape, 3kg medicine ball, plastic cones, whistle , SPI 10 soft ware system (GPSport Systems, Pty. Ltd. 2003 Australia). Results: from the data obtained it was clear that physical preparation must seek to find the optimum relationship between the player nd his mechanical means of propulsion and aim at personalized physical preparation, in general concentrating on developing strength in the arms and upper body, thereby achieving a maximum level of performance. Personalized training in the field of disabled sport allows the best physical expression of residual abilities and protects te player from naturally occurring biomechanical imbalances in technique. In wheelchair basketball, the force produced by a male player is still higher than that produced by a female player. During play an intermediate speed is most common and more distance is covered, acceleration is most important during attack and defence but the greatest number of hard destabilizing impacts

Valutazione funzionale delle capacità fisiche nel giocatore di basket in carrozzina d’alto livello vuole esser d’aiuto a tutti i preparatori che si interessano di questo sport, al fine di fornire delle linee guida utili ad una programmazione metodologica più rispondente alle esigenze biomeccaniche e neuromuscolari del basket in carrozzina. La valutazione, è avvenuta testando giocatori con punteggio di classificazione 1; 2; 3; 4; 4,5, maschi e femmine delle Nazionali italiane. Nel basket in carrozzina, il punteggio viene attribuito dalla commissione classificatrice (1 medico ed 1 tecnico), in relazione al grado di disabilità motoria ed alle capacità funzionali dell’atleta, dimostrate in campo durante il gioco. L’obiettivo della ricerca è stato raggiunto attraverso lo svolgimento dei seguenti test: test “20 m sprint” (che valuta la capacità di “accelerazione”); test “lancio della palla zavorrata dal capo/petto” (che valuta la capacità di “forza”); test “dell’8 con e senza palla” (che valuta la capacità tecnica di “conduzione del mezzo meccanico”); test del “tiro dalla zona della campana” (che valuta la capacità tecnica di “tiro a canestro”); test del “tiro di precisione al bersaglio” (che valuta la capacità tecnica di “passaggio”); match analysis delle fasi di “gioco effettivo” (che valuta tempo, posizione, velocità, distanza e direzione, di ogni giocatore durante la partita). I test sono stati svolti nel campo da basket regolamentare. Materiali utilizzati: cronometro; metro avvolgibile; nastro adesivo; palla zavorrata di 3Kg; coni in plastica; fischietto; software sistema SPI 10 (GPSport Systems, Pty. Ltd. 2003, Australia). Risultati: dai dati ottenuti si evince che il preparatore fisico, deve porre attenzione al raggiungimento dell’assetto ottimale tra giocatore e mezzo meccanico e mirare ad una preparazione fisica personalizzata, che in generale punti sullo sviluppo della forza degli arti superiori e della parte superiore del tronco, al fine di ottenere il massimo livello di prestazione. Esercitazioni personalizzate nell’ambito dello sport disabili permettono la miglior espressione motoria delle capacità residue e la possibilità di meglio tutelare il giocatore da naturali disequilibri biomeccanici relativi alla tecnica sportiva. Nel basket in carrozzina, la forza espressa dai giocatori rimane più elevata di quella espressa dalle giocatrici. Nel gioco, le velocità intermedie sono quelle più rappresentative e il play percorre le distanze maggiori, le accelerazioni più importanti in attacco e in difesa, ma subisce il maggior numero di forti impatti destabilizzanti.

De Pasquale, D. (2010). Valutazione funzionale delle capacità fisiche nel giocatore di basket in carrozzina d'alto livello.

Valutazione funzionale delle capacità fisiche nel giocatore di basket in carrozzina d'alto livello

DE PASQUALE, DANIELA
2010-05-06

Abstract

Valutazione funzionale delle capacità fisiche nel giocatore di basket in carrozzina d’alto livello vuole esser d’aiuto a tutti i preparatori che si interessano di questo sport, al fine di fornire delle linee guida utili ad una programmazione metodologica più rispondente alle esigenze biomeccaniche e neuromuscolari del basket in carrozzina. La valutazione, è avvenuta testando giocatori con punteggio di classificazione 1; 2; 3; 4; 4,5, maschi e femmine delle Nazionali italiane. Nel basket in carrozzina, il punteggio viene attribuito dalla commissione classificatrice (1 medico ed 1 tecnico), in relazione al grado di disabilità motoria ed alle capacità funzionali dell’atleta, dimostrate in campo durante il gioco. L’obiettivo della ricerca è stato raggiunto attraverso lo svolgimento dei seguenti test: test “20 m sprint” (che valuta la capacità di “accelerazione”); test “lancio della palla zavorrata dal capo/petto” (che valuta la capacità di “forza”); test “dell’8 con e senza palla” (che valuta la capacità tecnica di “conduzione del mezzo meccanico”); test del “tiro dalla zona della campana” (che valuta la capacità tecnica di “tiro a canestro”); test del “tiro di precisione al bersaglio” (che valuta la capacità tecnica di “passaggio”); match analysis delle fasi di “gioco effettivo” (che valuta tempo, posizione, velocità, distanza e direzione, di ogni giocatore durante la partita). I test sono stati svolti nel campo da basket regolamentare. Materiali utilizzati: cronometro; metro avvolgibile; nastro adesivo; palla zavorrata di 3Kg; coni in plastica; fischietto; software sistema SPI 10 (GPSport Systems, Pty. Ltd. 2003, Australia). Risultati: dai dati ottenuti si evince che il preparatore fisico, deve porre attenzione al raggiungimento dell’assetto ottimale tra giocatore e mezzo meccanico e mirare ad una preparazione fisica personalizzata, che in generale punti sullo sviluppo della forza degli arti superiori e della parte superiore del tronco, al fine di ottenere il massimo livello di prestazione. Esercitazioni personalizzate nell’ambito dello sport disabili permettono la miglior espressione motoria delle capacità residue e la possibilità di meglio tutelare il giocatore da naturali disequilibri biomeccanici relativi alla tecnica sportiva. Nel basket in carrozzina, la forza espressa dai giocatori rimane più elevata di quella espressa dalle giocatrici. Nel gioco, le velocità intermedie sono quelle più rappresentative e il play percorre le distanze maggiori, le accelerazioni più importanti in attacco e in difesa, ma subisce il maggior numero di forti impatti destabilizzanti.
A.A. 2009/2010
Scienze dello sport
22.
Thesis aims to help all those involved in thereparation of this sport by laying down useful guidelines for a methodical approch to ascertain the biomechanical and neuromuscolar requirements of wheelchair basket ball. An evaluation was made testing both male and female Italian national players with a points classification of 1; 2; 3; 4 and 4.5. In wheelchair basketball points are attributed by the classification commission (one medical and one technical), in relation to the degree of physical disability and the functional capabilities of the athlete, as demonstrated on court during play. Research evaluation used the following tests: (i) a 20 metre sprint (to asses the ability to accelerate), (ii) tossing a weighted ball from the head or chest (to asses strength), (iii)performing a figure of eight (with and without a ball) , ( to asses the players technical ability to drive the wheel chair) ; (iv)throwing within the bell zone (to asses technical ability to shoot for goal), (v)throwing at a target ( to asses technical ability to pass the ball ); (vi) a match analysis of “effective play” (evaluating the time, position, speed, distance and direction of each player during the match). All tests were carried out in a standard basketball court. Materials: stop watch, extendable tape measure, adhesive tape, 3kg medicine ball, plastic cones, whistle , SPI 10 soft ware system (GPSport Systems, Pty. Ltd. 2003 Australia). Results: from the data obtained it was clear that physical preparation must seek to find the optimum relationship between the player nd his mechanical means of propulsion and aim at personalized physical preparation, in general concentrating on developing strength in the arms and upper body, thereby achieving a maximum level of performance. Personalized training in the field of disabled sport allows the best physical expression of residual abilities and protects te player from naturally occurring biomechanical imbalances in technique. In wheelchair basketball, the force produced by a male player is still higher than that produced by a female player. During play an intermediate speed is most common and more distance is covered, acceleration is most important during attack and defence but the greatest number of hard destabilizing impacts
classification; residual ability; volume of action; disabled team sports; wheelchair sports
Parole chiave: classificazione, capacità residue, volume di azione, sport di squadra-disabili
Settore M-EDF/02 - Metodi e Didattiche delle Attivita' Sportive
Italian
Tesi di dottorato
De Pasquale, D. (2010). Valutazione funzionale delle capacità fisiche nel giocatore di basket in carrozzina d'alto livello.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tesi Dottorato De Pasquale.pdf

accesso aperto

Dimensione 32.43 MB
Formato Adobe PDF
32.43 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/1272
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact