Quanto efficace è il “riccometro” nell'individuare le famiglie più bisognose?