L'"emozione feconda": Luigi Pirandello e la creazione artistica