Mosso da una sorprendente pluralità di interessi, Roberto Leydi attraversa da protagonista gran parte della cultura italiana del secondo Novecento, in una straripante ricchezza di relazioni intellettuali, da Elio Vittorini a Paolo Grassi, da Giorgio Strehler a Enzo Paci, e in una ininterrotta solidarità di intenti sopratuttto con Luciano Berio e Umberto Eco. L'inedito ritratto di Roberto Leydi, del quale viene per la prima volta ricostruita la straordinaria vicenda umana e culturale, accompagna la rappresentazione di un frastagliato ambiente culturale lombardo, contrassegnato dall'insofferenza verso rigide ripartizioni di ambiti disciplinari e dall'avversione verso tendenze e ideologie nel frattempo affermatesi a Roma, all'interno del principale partito della sinistra italiana, quando la realtà effettiva del mondo popolare animava una pluralità di posizioni teoriche, da De Martino a Pasolini, da Calvino a Fortini.

Ferraro, D. (2015). Roberto Leydi e il Sentite buona gente: musiche e cultura nel secondo dopoguerra. Squilibri.

Roberto Leydi e il Sentite buona gente: musiche e cultura nel secondo dopoguerra

FERRARO, DOMENICO
2015-01-01

Abstract

Mosso da una sorprendente pluralità di interessi, Roberto Leydi attraversa da protagonista gran parte della cultura italiana del secondo Novecento, in una straripante ricchezza di relazioni intellettuali, da Elio Vittorini a Paolo Grassi, da Giorgio Strehler a Enzo Paci, e in una ininterrotta solidarità di intenti sopratuttto con Luciano Berio e Umberto Eco. L'inedito ritratto di Roberto Leydi, del quale viene per la prima volta ricostruita la straordinaria vicenda umana e culturale, accompagna la rappresentazione di un frastagliato ambiente culturale lombardo, contrassegnato dall'insofferenza verso rigide ripartizioni di ambiti disciplinari e dall'avversione verso tendenze e ideologie nel frattempo affermatesi a Roma, all'interno del principale partito della sinistra italiana, quando la realtà effettiva del mondo popolare animava una pluralità di posizioni teoriche, da De Martino a Pasolini, da Calvino a Fortini.
Settore M-FIL/06 - Storia della Filosofia
Settore M-FIL/03 - Filosofia Morale
Italian
Rilevanza nazionale
Monografia
Ferraro, D. (2015). Roberto Leydi e il Sentite buona gente: musiche e cultura nel secondo dopoguerra. Squilibri.
Monografia
Ferraro, D
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2108/124196
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact