E' evidente come l’importanza che, nell’ambito dell’ordinamento dell’Unione europea, viene assegnata al principio di eguaglianza o di non-discriminazione continua a crescere. La moltiplicazione dei criteri di discriminazione vietati dal diritto primario e derivato dell’Unione ne è buon testimone. Altrettanto può dirsi della considerevole mole di giurisprudenza che continua ad occuparsi dell’uno o dell’altro profilo del principio. Di questa giurisprudenza, alcuni significativi esempi sono oggetto di specifico studio nella Seconda parte del volume, ma un’idea della costante e massiccia attività interpretativa messa in atto dalla Corte di giustizia anche negli ultimi anni risulta con chiarezza dai contributi della Prima parte, dedicati ai profili generali del tema. In questa stessa chiave può essere letto l’atteggiamento della giurisprudenza che sempre più spesso si riferisce all’esistenza di un principio generale di non-discriminazione non soltanto, come avveniva in passato, per sottolinearne l’importanza e il carattere inderogabile, ma anche per farne applicazione in ipotesi non coperte da alcuno dei divieti normativamente previsti.

Daniele, L. (2011). Conclusioni. In G.B. Isabella Castangia (a cura di), Il principio di non discriminazione nel diritto dell'Unione europea (pp. 271-276). Napoli : Editoriale Scientifica.

Conclusioni

DANIELE, LUIGI
2011

Abstract

E' evidente come l’importanza che, nell’ambito dell’ordinamento dell’Unione europea, viene assegnata al principio di eguaglianza o di non-discriminazione continua a crescere. La moltiplicazione dei criteri di discriminazione vietati dal diritto primario e derivato dell’Unione ne è buon testimone. Altrettanto può dirsi della considerevole mole di giurisprudenza che continua ad occuparsi dell’uno o dell’altro profilo del principio. Di questa giurisprudenza, alcuni significativi esempi sono oggetto di specifico studio nella Seconda parte del volume, ma un’idea della costante e massiccia attività interpretativa messa in atto dalla Corte di giustizia anche negli ultimi anni risulta con chiarezza dai contributi della Prima parte, dedicati ai profili generali del tema. In questa stessa chiave può essere letto l’atteggiamento della giurisprudenza che sempre più spesso si riferisce all’esistenza di un principio generale di non-discriminazione non soltanto, come avveniva in passato, per sottolinearne l’importanza e il carattere inderogabile, ma anche per farne applicazione in ipotesi non coperte da alcuno dei divieti normativamente previsti.
Settore IUS/14 - Diritto dell'Unione Europea
Italian
Rilevanza internazionale
Capitolo o saggio
Unione europea, Principi generali, Non discriminazione
Daniele, L. (2011). Conclusioni. In G.B. Isabella Castangia (a cura di), Il principio di non discriminazione nel diritto dell'Unione europea (pp. 271-276). Napoli : Editoriale Scientifica.
Daniele, L
Contributo in libro
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Discriminazione (conclusioni).pdf

accesso aperto

Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 220.15 kB
Formato Adobe PDF
220.15 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/119519
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact