Il campo del controllo semi attivo richiama un grande interesse dei ricercatori. Questo interesse é dovuto al fatto che il controllo semi attivo riunisce le caratteristiche dei metodi passivi, come la stabilità , ed usufruisce della possibilità di controllare in tempo reale come i metodi attivi. In questo lavoro, ci interessiamo ad un assemblaggio di travi che costituisce il modello di un ponte strallato in corso di costruzione. Questa struttura é stata controllata precedentemente con un pendolo a massa accordata accoppiato ad un alternatore ed una resistenza variabile, sotto l'ipotesi delle piccole oscillazioni del pendolo. L'obiettivo di questa tesi é di rendere robusto il sistema di controllo scelto ed estendere la sua effcienza all'intervallo delle grandi oscillazioni del pendolo. Il lavoro svolto può essere diviso in quattro parti principali. Inizialmente, é stato fatto uno studio parametrico per capire meglio la dinamica dell'attuatore in grandi oscillazioni, ed é stata stabilita una relazione di dipendenza tra il controllo e i parametri e le variabili del sistema. Lo studio del controllo nello spirito della strategia passiva e della pertinenza dell'uso del metodo del gain scheduling ha poi rivelato la necessità di controllare in tempo reale. Per questo, seguendo il metodo tracking, sono state definite delle leggi di controllo basate sullo smorzamento dei sistemi pendolo non lineare e ponte-pendolo accoppiato. Infine, é stata progettata una legge di controllo sulla resistenza, seguendo il metodo tracking. La resistenza variabile rappresenta la variabile di controllo reale del sistema. Questa legge di controllo permette di realizzare gli obiettivi di questa tesi.

Debbabi, M. (2010). Sur le contrôle semi-actif des vibrations élastiques d'une grande structure souple.

Sur le contrôle semi-actif des vibrations élastiques d'une grande structure souple

DEBBABI, MERIEM
2010-01-11

Abstract

Il campo del controllo semi attivo richiama un grande interesse dei ricercatori. Questo interesse é dovuto al fatto che il controllo semi attivo riunisce le caratteristiche dei metodi passivi, come la stabilità , ed usufruisce della possibilità di controllare in tempo reale come i metodi attivi. In questo lavoro, ci interessiamo ad un assemblaggio di travi che costituisce il modello di un ponte strallato in corso di costruzione. Questa struttura é stata controllata precedentemente con un pendolo a massa accordata accoppiato ad un alternatore ed una resistenza variabile, sotto l'ipotesi delle piccole oscillazioni del pendolo. L'obiettivo di questa tesi é di rendere robusto il sistema di controllo scelto ed estendere la sua effcienza all'intervallo delle grandi oscillazioni del pendolo. Il lavoro svolto può essere diviso in quattro parti principali. Inizialmente, é stato fatto uno studio parametrico per capire meglio la dinamica dell'attuatore in grandi oscillazioni, ed é stata stabilita una relazione di dipendenza tra il controllo e i parametri e le variabili del sistema. Lo studio del controllo nello spirito della strategia passiva e della pertinenza dell'uso del metodo del gain scheduling ha poi rivelato la necessità di controllare in tempo reale. Per questo, seguendo il metodo tracking, sono state definite delle leggi di controllo basate sullo smorzamento dei sistemi pendolo non lineare e ponte-pendolo accoppiato. Infine, é stata progettata una legge di controllo sulla resistenza, seguendo il metodo tracking. La resistenza variabile rappresenta la variabile di controllo reale del sistema. Questa legge di controllo permette di realizzare gli obiettivi di questa tesi.
A.A. 2007/2008
INGEGNERIA DELLE STRUTTURE E GEOTECNICA
21.
controllo semiattivo
Settore ICAR/08 - Scienza delle Costruzioni
French
Tesi di dottorato
Debbabi, M. (2010). Sur le contrôle semi-actif des vibrations élastiques d'une grande structure souple.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
These_Meriem.pdf

accesso aperto

Dimensione 4.93 MB
Formato Adobe PDF
4.93 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/1164
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact