La crescente consapevolezza della portata assunta, nell’architrave processuale, dai diritti fondamentali, per effetto di una sempre più matura coscienza, sociale e giuridica, del valore delle garanzie sostanziali e processuali, ha indotto, nel tempo, la prassi giurisprudenziale ad esplorare, in sintonia con lo sviluppo dei parametri ideologici di riferimento, inediti sentieri attraverso i quali incidere su vicende definitivamente concluse. Gli equilibri faticosamente raggiunti in sede di riforma codicistica sono stati, così, messi in discussione da affermazioni di ampio respiro e contenuto valoriale sul rapporto tra giudicato e diritti della persona, che hanno scandito l’evolversi di una multiforme vicenda giurisprudenziale, divenuta emblema dell’imprescindibile necessità di rimediare a violazioni delle garanzie individuali accertate post iudicatum. Ciò induce, ancora oggi, ad interrogarsi sui limiti di stabilità di un valore ampiamente in discussione o, se si vuole, sulla possibilità di accettare, in nome della «certezza dei rapporti giuridici», acclarate lesioni a primari diritti riconosciuti dalla Costituzione e dalle Carte internazionali.

Troisi, P. (2015). Flessibilità del giudicato penale e tutela dei diritti fondamentali. DIRITTO PENALE CONTEMPORANEO, 1-33.

Flessibilità del giudicato penale e tutela dei diritti fondamentali

Troisi, P
2015-04-02

Abstract

La crescente consapevolezza della portata assunta, nell’architrave processuale, dai diritti fondamentali, per effetto di una sempre più matura coscienza, sociale e giuridica, del valore delle garanzie sostanziali e processuali, ha indotto, nel tempo, la prassi giurisprudenziale ad esplorare, in sintonia con lo sviluppo dei parametri ideologici di riferimento, inediti sentieri attraverso i quali incidere su vicende definitivamente concluse. Gli equilibri faticosamente raggiunti in sede di riforma codicistica sono stati, così, messi in discussione da affermazioni di ampio respiro e contenuto valoriale sul rapporto tra giudicato e diritti della persona, che hanno scandito l’evolversi di una multiforme vicenda giurisprudenziale, divenuta emblema dell’imprescindibile necessità di rimediare a violazioni delle garanzie individuali accertate post iudicatum. Ciò induce, ancora oggi, ad interrogarsi sui limiti di stabilità di un valore ampiamente in discussione o, se si vuole, sulla possibilità di accettare, in nome della «certezza dei rapporti giuridici», acclarate lesioni a primari diritti riconosciuti dalla Costituzione e dalle Carte internazionali.
Pubblicato
Rilevanza nazionale
Articolo
Esperti anonimi
Settore IUS/16 - Diritto Processuale Penale
Italian
processo penale; giudicato; diritti fondamentali; revisione; rideterminazione della pena
file:///C:/Users/Paolo/Documents/Lavoro/Ricerche/Flessibilità del giudicato/1427127412TROISI_2015a.pdf
Troisi, P. (2015). Flessibilità del giudicato penale e tutela dei diritti fondamentali. DIRITTO PENALE CONTEMPORANEO, 1-33.
Troisi, P
Articolo su rivista
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Troisi - DPC 2015.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non specificato
Dimensione 958.24 kB
Formato Adobe PDF
958.24 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2108/111389
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact