Statue egittizzanti da Tivoli tra rappresentazione e ritualità