Fermare la dispersione urbana. Il possibile ruolo dei “territori deboli”