The Anonymous Iamblichi fragments were discovered in 1889, when Friedrich Blass found some excerpts in the 20th chapter of the Iamblicus’ Protrepticus. The text consists of 7 fragments, joined together by Iamblicus, originally pertaining to an ethical-political treaty. In order to verify the hypothesis of this study (the attribution of the seven fragments to a single author and an only work; its chronological classification between the second half of the V and the first decades of IV the century b.C.; its belongings to the sophistic movement; its democratic inspiration), was necessary taking in a big account the philosophical and ethical-political content of the text, using the linguistic analysis and the philological enquiry of some words and concepts. The outcomes of this enquiry let chronologically set the fragments in the half of the 5th century b.C. The text of the Anonymous Iamblichi is a rare and direct testimony of the sophistic movement and, generally, a rare document of the Greek thought in the 5th century, more precious because coming from an ethical-political treaty of a democratic author.

La scoperta dei frammenti dell’Anonimo di Giamblico risale al 1889, quando Blass annunciò in un suo studio di aver rinvenuto nel capitolo XX del Protreptico di Giamblico alcuni inserti provenienti dall’opera di un autore sconosciuto. Lo scritto individuato è costituito da sette frammenti di diversa ampiezza, cuciti tra loro da brevi interventi di Giamblico. Il testo dell’ignoto autore non appare classificabile come appartenente al genere protreptico, ma sembrano provenire da un trattato etico-politico, in cui il pensiero e le argomentazioni proposte sono sviluppate con profonda coerenza ed esposte in modo piuttosto conciso. Nel tentativo di verificare la validità delle ipotesi avanzate in questo studio (l’attribuzione dei sette frammenti a un solo autore e a un’unica opera; la sua collocazione cronologica tra la seconda metà del V e i primi decenni del IV secolo a.C.; la sua appartenenza all’ambiente della sofistica e a quello dei sostenitori della democrazia ateniese), è stato necessario fornire un’interpretazione che tenesse conto del contenuto filosofico, in particolare etico-politico, dello scritto, considerato nel suo insieme e come opera autonoma, con l’ausilio e il supporto dell’analisi linguistica del testo dei frammenti e dell’indagine filologica di alcuni termini e concetti fondamentali. I risultati ottenuti dalla presente ricerca consentono di affermare che è lecito collocare cronologicamente i frammenti nel tardo V secolo a.C. I testi dell’Anonimo di Giamblico si devono considerare come una delle poche testimonianze dirette della sofistica e, più in generale, uno dei rari documenti di una certa estensione di quel periodo del pensiero greco, ancora più preziosi, perché provenienti da un trattato etico–politico di parte democratica.

Ciriaci, A. (2009). L'Anonimo di Giamblico: saggio critico.

L'Anonimo di Giamblico: saggio critico

CIRIACI, ASCANIO
2009-08-24

Abstract

La scoperta dei frammenti dell’Anonimo di Giamblico risale al 1889, quando Blass annunciò in un suo studio di aver rinvenuto nel capitolo XX del Protreptico di Giamblico alcuni inserti provenienti dall’opera di un autore sconosciuto. Lo scritto individuato è costituito da sette frammenti di diversa ampiezza, cuciti tra loro da brevi interventi di Giamblico. Il testo dell’ignoto autore non appare classificabile come appartenente al genere protreptico, ma sembrano provenire da un trattato etico-politico, in cui il pensiero e le argomentazioni proposte sono sviluppate con profonda coerenza ed esposte in modo piuttosto conciso. Nel tentativo di verificare la validità delle ipotesi avanzate in questo studio (l’attribuzione dei sette frammenti a un solo autore e a un’unica opera; la sua collocazione cronologica tra la seconda metà del V e i primi decenni del IV secolo a.C.; la sua appartenenza all’ambiente della sofistica e a quello dei sostenitori della democrazia ateniese), è stato necessario fornire un’interpretazione che tenesse conto del contenuto filosofico, in particolare etico-politico, dello scritto, considerato nel suo insieme e come opera autonoma, con l’ausilio e il supporto dell’analisi linguistica del testo dei frammenti e dell’indagine filologica di alcuni termini e concetti fondamentali. I risultati ottenuti dalla presente ricerca consentono di affermare che è lecito collocare cronologicamente i frammenti nel tardo V secolo a.C. I testi dell’Anonimo di Giamblico si devono considerare come una delle poche testimonianze dirette della sofistica e, più in generale, uno dei rari documenti di una certa estensione di quel periodo del pensiero greco, ancora più preziosi, perché provenienti da un trattato etico–politico di parte democratica.
A.A. 2008/2009
Filosofia
21.
The Anonymous Iamblichi fragments were discovered in 1889, when Friedrich Blass found some excerpts in the 20th chapter of the Iamblicus’ Protrepticus. The text consists of 7 fragments, joined together by Iamblicus, originally pertaining to an ethical-political treaty. In order to verify the hypothesis of this study (the attribution of the seven fragments to a single author and an only work; its chronological classification between the second half of the V and the first decades of IV the century b.C.; its belongings to the sophistic movement; its democratic inspiration), was necessary taking in a big account the philosophical and ethical-political content of the text, using the linguistic analysis and the philological enquiry of some words and concepts. The outcomes of this enquiry let chronologically set the fragments in the half of the 5th century b.C. The text of the Anonymous Iamblichi is a rare and direct testimony of the sophistic movement and, generally, a rare document of the Greek thought in the 5th century, more precious because coming from an ethical-political treaty of a democratic author.
educazione; buona legislazione-assenza di leggi; virtù; fama; legge-natura
Settore M-FIL/03 - Filosofia Morale
Italian
Tesi di dottorato
Ciriaci, A. (2009). L'Anonimo di Giamblico: saggio critico.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
L'Anonimo di Giamblico. Saggio critico.pdf

accesso aperto

Dimensione 986.16 kB
Formato Adobe PDF
986.16 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/1016
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact